Pubblicato il Lascia un commento

2. Introduzioni – 18 ottobre 2020

18 ottobre

29ª DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Dare a Dio quel che è di Dio

Siamo alle ultime domeniche dell’anno liturgico e Gesù ha appena raccontato tre parabole dure dirette ai farisei e ai capi degli anziani: gli invitati scortesi, i vignaioli omicidi e quella dei due figli, di cui uno dice di sì, ma poi non obbedisce. Gesù li ha esasperati, per questo, dice Luca, «Si misero a spiarlo e mandarono informatori, che si fingessero persone giuste, per coglierlo in fallo nel parlare e poi consegnarlo all’autorità e al potere del governatore» (20,20). E gli pongono una questione squisitamente politica. Ma Gesù non cade nel tranello, ed entra nel cuore della questione: si deve prendere atto del potere di chi governa, ma soprattutto riconoscere i diritti di Dio sia nella politica che in ogni altro settore della vita personale e pubblica.

PRIMA LETTURA

Dal libro del profeta Isaia.                                                                                           Is 45,1.4-6

Ho preso Ciro per la destra per abbattere davanti a lui le nazioni.          

Ciro, re di Persia, diventa uno strumento di Dio per riedificare Israele. La storia della salvezza è nelle mani di Dio, che si serve degli strumenti più utili, anche di una persona lontana dalla fede.

 SALMO RESPONSORIALE                                                                     Dal Salmo 95 (96)

Il salmista invita a lodare il Signore per la sua grandezza e per le meraviglie che ha operato. A lui onore e gloria e a nessun altro.

Rit. Grande è il Signore e degno di ogni lode.

 SECONDA LETTURA

Memori della vostra fede, della carità e della speranza.    

La lettera ai Tessalonicesi, che iniziamo a leggere oggi, è il più antico documento della Chiesa delle origini. Paolo l’ha scritta a Corinto nell’anno 51. Ha incontrato gli abitanti di Tessalonica durante il suo secondo viaggio. Si è rivolto dapprima alla fiorente comunità giudaica, che gli ha fatto una feroce opposizione (At 17,1-10). Per questo si rivolgerà ai pagani.

 Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi.                                  1Ts 1,1-5b

 VANGELO

Rendete a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio.

I farisei, esasperati dal racconto delle parabole sferzanti di Gesù nei confronti delle autorità ebraiche, gli tendono una trappola perché si comprometta davanti al potere politico. Ma Gesù li costringe a uscire dall’ipocrisia e a riconoscere i diritti di Dio.

Dal vangelo secondo Matteo.                                                                                 Mt 22, 15-21

Lascia un commento