Pubblicato il Lascia un commento

5. Perdono e Preghiere dei Fedeli – 11 aprile 2021

11 aprile

2ª DOMENICA DI PASQUA

Della divina misericordia

La fede difficile di Tommaso

RICHIESTA DI PERDONO

  • Padre, la tua misericordia è più grande della nostra infedeltà, abbi pietà di noi.
  • Cristo, che sulla croce hai perdonando al buon ladrone e gli hai aperto il Paradiso, abbi pietà di noi.
  • Spirito Santo, rendici consapevoli e pentiti per la debolezza della nostra fede: abbi pietà di noi.

PREGHIERA UNIVERSALE

Celebrante. Come la prima comunità cristiana, anche noi siamo qui riuniti in preghiera e invochiamo la bontà del Padre. Preghiamo insieme e diciamo:

Donaci, o Padre, la tua misericordia.

  • Per la Chiesa sparsa nel mondo, perché, pur nella diversità dei vari contesti culturali e sociali, costruisca nell’unità e nella fraternità la propria testimonianza, preghiamo.
  • Per tutti coloro che sono impegnati a costruire la giustizia, il rispetto delle diversità, la difesa delle categorie più svantaggiate, perché sentano la forza dello Spirito che li sollecita a non perdersi di coraggio, preghiamo.
  • Per chi ha difficoltà a credere, per chi ha smarrito la fede per le prove della vita, per chi non riesce ad accettare la nostra testimonianza: il Signore risorto mostri loro le sue piaghe aperte, come ha fatto con Tommaso, preghiamo.
  • Per tutti noi che stiamo celebrando questa Eucaristia, perché a partire dal Pane Eucaristico, diventiamo insieme costruttori di fraternità nella nostra comunità, preghiamo.

Celebrante. Padre del Signore Gesù, morto e risorto per noi, ascolta la preghiera della tua famiglia e rinnova nella nostra comunità i prodigi del tuo amore. Per Cristo nostro Signore.

 

Pubblicato il

5. Perdono e Preghiere dei Fedeli – 28 marzo 2021

28 marzo

DOMENICA DELLE PALME

e della Passione del Signore

Dalla gloria alla crocifissione

RICHIESTA DI PERDONO

Come si legge nel decreto dello scorso 25 marzo, la celebrazione della Domenica della Palme dovrà avvenire “all’interno dell’edificio sacro”. Si richiede che le cattedrali adottino “la seconda forma prevista dal Messale Romano, nelle chiese Parrocchiali e negli altri luoghi la terza”.

  • Padre, abbiamo cercato il successo e la vittoria e non la pace e la concordia. Kyrie Eleison.
  • Cristo, a parole ti riconosciamo nostro re, nei fatti spesso ti abbandoniamo. Christe eleison.
  • Spirito Santo, ci mostri l’amore di Gesù sulla croce, ma abbiamo difficoltà ad accettare i sacrifici richiesti dall’amore dei fratelli. Kyrie eleison.

PREGHIERA UNIVERSALE

Celebrante. O Padre, nel giorno in cui facciamo memoria del tuo Figlio Gesù che entra acclamato dalla folla in Gerusalemme, ti chiediamo di ascoltarci e di esaudirci quando ti preghiamo. Diciamo insieme:

Per la passione del tuo Figlio, ascoltaci, o Padre.

  • Signore Gesù, entrando in Gerusalemme dai inizio ai giorni della tua passione, morte e risurrezione. Donaci di accompagnarti in questa Settimana Santa, preghiamo.
  • Per la pace delle nazioni, perché i ramoscelli d’ulivo, che oggi portiamo nelle nostre case, ci ricordino che è dovere di tutti ricercare ciò che ci unisce e di allontanare ciò che ci divide, preghiamo.
  • Signore Gesù, attira a te i giovani che celebrano oggi la loro giornata diocesana (mondiale). Sappiano trovare in te il modello perfetto di amore e i primi annunziatori della tua salvezza, preghiamo.
  • Per noi tutti, perché viviamo questi giorni santi non come spettatori, ma seguendo il Signore Gesù sulla strada della croce e della gloria, preghiamo.

Celebrante. Oggi, Padre, si apre la Settimana Santa, quando Gesù affronterà i giorni duri della sua passione e morte. Fa’ che non li viviamo con indifferenza, ma che il nostro cuore batta accanto a quello del tuo Figlio, che vive e regna nei secoli dei secoli.

 

Pubblicato il

5. Perdono e Preghiere dei Fedeli – 21 marzo 2021

21 marzo

5ª DOMENICA DI QUARESIMA

Vogliamo vedere Gesù

RICHIESTA DI PERDONO

  • Signore Gesù, perdona la nostra poca fede e la mancanza di coraggio e abbi pietà di noi.
  • Cristo, Figlio di Dio, che ti sei sottoposto al supplizio della croce, abbi pietà di noi.
  • Signore Gesù, abbiamo paura di soffrire qualcosa per testimonianti, abbi pietà di noi.

PREGHIERA UNIVERSALE

Celebrante. O Padre, ci rivolgiamo a te con gli occhi fissi alla croce di Gesù. Ascolta le preghiere che ti rivolgiamo ed esaudiscile. Diciamo insieme:  Padre, ascoltaci!

  • Per la Chiesa, trovi il coraggio di mostrare a tutti il volto del Cristo morto e risorto, preghiamo.
  • Per i responsabili della vita pubblica: siano sempre più sensibili alle esigenze della solidarietà e della giustizia, preghiamo.
  • Per la nostra comunità, affinché come i greci, desiderosi di incontrare Gesù, sia desiderosa di conoscerlo con l’ascolto frequente della Parola di Dio, preghiamo.
  • Per tutti noi, gli ultimi giorni della Quaresima ci trovino pronti a vivere con Gesù i giorni più drammatici della sua vita, preghiamo.

Celebrante. Signore Gesù, che come il chicco di frumento hai accettato di morire per donarci i frutti della tua passione, fa’ che viviamo questi giorni in comunione con te. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

 

Pubblicato il

5. Perdono e Preghiere dei Fedeli – 7 marzo 2021

7 MARZO

3ª DOMENICA DI QUARESIMA

Lo zelo della tua casa mi divora

RICHIESTA DI PERDONO

  • Signore Gesù, tu solo conosci quello che c’è veramente nel cuore di ogni uomo, abbi pietà di noi.
  • Cristo, misericordia del Padre, tu ci perdoni, quando siamo smarriti, abbi pietà di noi.
  • Signore Gesù, che ci chiami a conversione in questo tempo di Quaresima, abbi pietà di noi.

PREGHIERA UNIVERSALE

Celebrante. Fratelli e sorelle carissimi, Gesù è il vero tempio, ed è a lui che ci rivolgiamo perché renda forte la nostra fede personale e comunitaria. Preghiamo insieme e diciamo:

O Signore, rendi più genuina la nostra fede.

  • Per la Chiesa, perché sia animata sempre nella sua testimonianza da una vera e genuina fede evangelica, preghiamo.
  • Per i responsabili della vita sociale, perché nelle loro iniziative si ispirino alla legge di Dio e a una viva sensibilità verso chi vive in difficoltà, preghiamo.
  • Perché la Passione di Cristo sia al centro dei nostri pensieri e dei nostri affetti in questo tempo di Quaresima, preghiamo.
  • Per tutti noi, perché guardiamo con apertura e disponibilità alla legge di Dio, capace di rinnovare profondamente la nostra vita e quella della società, preghiamo.

Celebrante. O Padre, ascolta queste nostre invocazioni: aiutaci ad abbandonare nella nostra vita ogni forma superficiale di religiosità per entrare in un nuovo e genuino rapporto con te, per Cristo tuo Figlio e nostro Signore.

 

Pubblicato il

5. Perdono e Preghiere dei Fedeli – 28 febbraio 2021

28 febbraio

2ª DOMENICA DI QUARESIMA B

«Questi è il Figlio mio, ascoltatelo!»

RICHIESTA DI PERDONO

  • Padre, ci hai invitati ad ascoltare Gesù, ma noi spesso chiudiamo orecchi e cuore. Abbi pietà di noi.
  • Cristo, ti sei rivelato nel tuo splendore, ma noi ci lasciamo abbagliare dalle false luci di questo mondo. Abbi pietà di noi.
  • Spirito Santo, ci doni sempre la tua luce e la tua forza, ma noi ci lasciamo indebolire dal nostro orgoglio. Abbi pietà di noi.

PREGHIERA UNIVERSALE

Celebrante. Fratelli e sorelle carissimi, in questa seconda domenica di Quaresima Gesù in preghiera si trasfigura per mostrarci il suo volto glorioso. Riuniti anche noi in preghiera, diciamo insieme:
Fa’ che ascoltiamo, Signore, la tua voce!

  • O Padre, la tua Chiesa risplenda nel mondo per la sua testimonianza, per mostrare al mondo la bellezza della vita cristiana, preghiamo.
  • Signore Gesù, Figlio prediletto del Padre, conduci anche noi con te sul santo monte, per vedere il tuo volto luminoso, preghiamo.
  • Signore Gesù, illumina chi ti cerca con cuore sincero e mostrati a chi è deluso dalla vita o schiacciato dalla sofferenza, preghiamo.
  • Per tutti noi qui presenti, affinché l’incontro con Gesù nell’Eucaristia dia forza alla nostra fede e alimenti la nostra speranza, preghiamo.

Celebrante. Signore Gesù, splendore del volto del Padre, ti chiediamo di renderci capaci di contemplare il tuo volto glorioso in questi giorni che ci conducono alla tua Pasqua, tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Pubblicato il

5. Perdono e Preghiere dei Fedeli – 21 febbraio 2021

21 febbraio

1ª DOMENICA DI QUARESIMA B

La Quaresima di Gesù

RICHIESTA DI PERDONO

  • Signore Gesù, fa’ che ti sentiamo vicino nell’ora della prova, abbi pietà di noi.
  • Cristo Signore, che hai scelto il deserto per superare ogni tentazione, abbi pietà di noi.
  • Signore Gesù, all’inizio di questa Quaresima perdona le nostre incoerenze e rendici capaci di una vita nuova, abbi pietà di noi.

PREGHIERA UNIVERSALE

Celebrante. Preghiamo Dio, nostro Padre, perché ci guidi con la luce dello Spirito in questo cammino di conversione verso la Pasqua. Preghiamo insieme e diciamo:

Signore, ascolta la nostra preghiera.

  • Per la Chiesa sparsa nel mondo: fa’ che purificata da questo cammino di quaranta giorni possa giungere rinnovata a celebrare la Pasqua di Gesù, preghiamo.
  • Per i nostri governanti: si impegnino a costruire una società più giusta, umana, segnata dalla fraternità, preghiamo.
  • Insegnaci, Signore, in questo tempo di Quaresima, ad amare i nostri fratelli, soprattutto quelli che sono nella difficoltà e nella tristezza, preghiamo.
  • Ti preghiamo, Signore, per la nostra comunità: nell’ascolto della parola confermi le proprie scelte e trovi nuovo slancio pastorale per testimoniare senza paura la propria fede, preghiamo.

Celebrante. O Padre, fa’ che con la celebrazione di questa Quaresima giungiamo a una più profonda conoscenza del mistero del Signore Gesù e della nostra vocazione. Per Cristo nostro Signore.

Pubblicato il

Recensione del libro I miei Papi di Tarcisio Bertone

I miei Papi

Un percorso che comprende sette ”incontri” con i sette grandi Pontefici che hanno costruito, negli ultimi settant’anni,
la Chiesa che oggi viviamo.

Prefazione del card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura.

Si riporta un estratto della recensione pubblicata il 3 luglio 2019 su NOTIZIE IN UN CLICK dedicata al libro I miei Papi di Tarcisio Bertone, a cura di Franco Cortese.

Sua Eminenza Tarcisio cardinale Bertone, quale “testimone privilegiato” ha voluto qui narrarci i principali fatti avvenuti durante il suo ministero pastorale (ed ancora da ragazzo), anche come Segretario della Congregazione della Fede, prima, e Segretario di Stato Vaticano, poi, e, ormai libero dagli incarichi svolti presso la Santa Sede, socializzando sia “le bontà delle rose” sia “le loro spine”. In questi ultimi casi, contrastando da una parte il tanto discusso attico a lui contestato di 700 mq nel centro di Roma (di proprietà vaticana) – “…un’abissale lontananza dalla verità…” – dall’altra, le presunte divergenze con Benedetto XVI e papa Francesco, confutate ampiamente nel libro.

Lo abbiamo di certo pensato in molti, se non tutti, che dietro ogni Papa, per svolgere al meglio quel pesante Ministero Pietrino, ci sono sempre state menti acute, preparate, attente, moderate, previdenti… e, soprattutto, illuminate dalla gioia del Vangelo, come quella del Supremo Pastore con cui condividere l’azione apostolica ed il greve fardello.

Il cardinale Bertone ha avuto, ha, ed ha utilizzato – insieme con altre, dal suo curriculum e nel libro ben percepibili – queste sue indubbie, peculiari qualità.

Centinaia, forse migliaia di occasioni lo hanno visto più o meno evidente protagonista in positivo: incontri, missioni, conclavi, fughe di notizie, encicliche, rapporti con i potenti della Terra… e il Concilio Vaticano II. Avvenimenti, questi, tutti presenti nelle pagine. Ogni aneddoto, ogni fatto narrato ed efficacemente sintetizzato è stato vissuto al fianco e sempre in accordo con i vari papi, profondamente intriso di “umanità e spiritualità”, se c’è permesso il dire, tra umane sofferenze e momenti di gioia, come l’avvicinamento dei mondi cristiano e islamico. Su quest’ultimo caso si ricorda la sua fattiva partecipazione, che si terminò (13 ottobre 2007) con la lettera di ringraziamento a papa Benedetto XVI di 138 esponenti mussulmani, a cui seguì un incontro di dialogo con udienza in Vaticano il 6 novembre 2008.

Umanità e fede uniti al principio di conciliazione e pacificazione che furono anche sottolineati dallo stesso cardinale Bertone nei colloqui per le maggiori istanze politiche per la concordia nazionale argentina.

Sono tanti gli esempi esposti, non tutti noti, di corretto e giusto, laicamente oltre che cristianamente, agire che si trovano sotto i vari pontificati, tradotto in azioni correnti pregne d’amore, nell’asperità del vivere.

L’onesta e lucida mente di Sua Eminenza non ha tralasciato di raccontare nemmeno gli aspetti più controversi vissuti da testimone vicino ai fatti ed ai documenti più scabrosi. Neppure quelli relativi alla “leggenda nera” che circonda papa Pio XII e le sue presunte indulgenze verso il nazismo, voci false che numerosi documenti ed atti smentiscono chiaramente, citate da coloro che con azioni e dichiarazioni – anche con una pièce teatrale! – hanno fatto scempio ed offesa alla ragione, all’obiettività, al buon senso e ai principi morali della fede cristiana.

Il libro si conclude con le testimonianze degli ottimi rapporti vissuti con papa Bergoglio, le 30 udienze in 8 mesi con questo papa per avviarlo alle relazioni istituzionali (lo ha accompagnato anche nel suo viaggio in Brasile per la XXVIII Giornata Mondiale della Gioventù) ottenendo, tra l’altro, queste parole, per la Prefazione di un suo libro, parole con le quali concludiamo anche noi: “[…] sono tanti e pregnanti gli spunti di questo lavoro che dimostra quanto il cardinale Bertone abbia saputo presentare l’annuncio evangelico, i valori e le grandi istanze della dottrina della Chiesa […]”.

Nato a Romano Canavese (Torino) nel 1934, cresciuto in una famiglia molto religiosa (suo padre, maestro di musica e contadino, era tra i pochi abbonati all’Osservatore Romano, che il ragazzino leggeva, formandosi spiritualmente), Tarcisio entra da giovane nei salesiani e diventa sacerdote; arriva quindi alla docenza in Diritto Canonico ed all’incarico di rettore Magnifico dell’Università Pontificia Salesiana. Fu consacrato vescovo nel 1991, e cardinale nel 2003, svolgendo il ministero tra Vercelli, Genova e Roma. Si è distinto come Segretario della Dottrina della Fede e poi come Segretario di Stato.

Una curiosità finale: Sua Eminenza è un tifoso convinto della Juventus ed è stato anche cronista sportivo.

Molto interessante e ben fondata è la degna prefazione a questo libro scritta dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Consiglio della Cultura e della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

Pubblicato il

Recensione del libro Ancilla Domini di Roberto Benotti

Ancilla Domini

Sorrisi mariani

Si riporta la recensione pubblicata il 5 luglio 2019 sul settimanale LA NUOVA SCINTILLA dedicata al libro Ancilla Domini di Roberto Benotti, a cura di A.B.

Frescura mariana

Lo sfogli in pochi minuti, ma inevitabilmente torni indietro a gustare nuovamente il disegno lineare e sapido, che sorride con Maria e Giuseppe in viaggio per Betlemme, e Giuseppe che la tranquillizza: “Chi vuoi che vada a Betlemme in questo periodo?”. Prima ti sei goduto il paragone tra la mela sbucciata di Eva e quella intera di Maria, e il ‘Batti cinque, cugino!’ nell’incontro tra Maria ed Elisabetta. La vita di Maria viene percorsa di tappa in tappa, con le bellissime vignette di Gesù scovato nel tempio a dodici anni, che esclama esultante: “Mamma, ho preso dieci!”; “Bravo! Amore! – dice lei – In che materia?”. “In religione!!”. Commuove la figura di Maria disegnata con le braccia spalancate, sulla quale si sovrappone la figura del Crocifisso; fa sorridere la Mamma ancora apprensiva che raccomanda al Figlio nell’ascensione: “Chiama quando arrivi, non farmi restare in pensiero”. Non manca il richiamo ai quattro dogmi mariani, e il riflesso della presenza di Maria nella vita della Chiesa e di ogni cristiano. Il mistero cristiano è annuncio di letizia, e il linguaggio dei fumetti dell’italo-argentino Roberto Benotti, alias Robihood, rinfresca l’anima.