Posted on

Incontro al Messale. Come accogliere la terza edizione italiana del Messale Romano

Inaugurazione del Corso di formazione

In attesa della terza edizione italiana del Messale romano

un approccio interdisciplinare

in occasione della pubblicazione del libro

Incontro al Messale. Come accogliere la terza edizione italiana del Messale Romano (Elledici, Torino 2020)

Giovedì 16 gennaio 2020 ore 17.30

Cattedrale di Napoli – Basilica di Santa Restituta – Via Duomo 147

PROLUSIONE

Il Messale nella vita cristiana
Sua Ecc.za mons. Beniamino Depalma
Vescovo emerito di Nola

PRESIEDE

Sua Em.za il card. Crescenzio Sepe
Arcivescovo di Napoli e Gran Cancelliere Pftim

INTRODUCE

Prof. Salvatore Esposito Pftim

RELAZIONE INIZIALE

Prof. Francesco Asti Pftim

INTERVIENE

Don Valerio Bocci Elledici Torino

MODERA

Prof. Carmine Matarazzo Pftim

Posted on

Avviata la causa di beatificazione della Salesiana Cooperatrice Vera Grita

Domenica 22 dicembre 2019, 50° anniversario della nascita al cielo di Vera Grita (1923-1969), è stata ufficialmente avviata la Causa di beatificazione e canonizzazione della Salesiana Cooperatrice laica.

La procedura è stata ufficialmente presentata dal Postulatore Generale delle Cause dei Santi della Famiglia Salesiana, don Pierluigi Cameroni, SDB, al vescovo di Savona-Noli, mons. Calogero Marino, il Supplex libellus, con il quale si chiede l’apertura dell’Inchiesta diocesana sulla vita, le virtù, la fama di santità e di segni di Vera Grita, laica, Salesiana Cooperatrice.

Vera Grita, insegnante e salesiana cooperatrice, dopo aver contratto una malattia cronica ai polmoni fu chiamata dal Signore a essere nella Famiglia salesiana e nella Chiesa “voce- del Dio vivente”. Gesù Eucaristia, attraverso il dono delle locuzioni interiori, le dettava l’Opera dei tabernacoli viventi- per la salvezza delle anime. Morì il 22 dicembre 1969, a 46 anni, in una cameretta dell’ospedale dove aveva trascorso gli ultimi sei mesi di vita in un crescendo di sofferenze accettate e vissute in unione a Gesù Crocifisso. “L’anima di Vera – scrisse don Borra, Salesiano, suo primo biografo – con i messaggi e le lettere entra nella schiera di quelle anime carismatiche chiamate ad arricchire la Chiesa con fiamme di amore a Dio e a Gesù Eucaristico per la dilatazione del Regno”.