La trappola della rete. Uso e abuso dei social

Un libro che analizza le conseguenze della rete del Web
sulla visione dell'uomo e della sua identità cristiana, e offre indicazioni pedagogiche e pastorali agli educatori e alle istituzioni educative

LA TRAPPOLA DELLA RETE
Uso e abuso dei social

Riflessioni per educatori
(Editrice Elledici - Pagine 352 - € 23,00)

VISUALIZZA LA COPERTINA

VISUALIZZA LA PREFAZIONE

VISUALIZZA LA POSTFAZIONE

VISUALIZZA L'INDICE

La parola rete da sempre appartiene al linguaggio simbolico dei Vangeli. Gesù Cristo la usa come metafora, per mettere in relazione comunicativa tutti gli uomini e tutti i popoli della terra, unificandoli idealmente nell'unico popolo di Dio. Dal punto di vista culturale oggi "la rete" è la struttura che costituisce la piattaforma di Internet; un luogo dove potenzialmente tutti gli uomini del mondo possono comunicare gli uni con gli altri, senza differenze.
Questo volume esplora una serie di temi suggestivi, a partire dalle conseguenze della rete del Web sulla visione dell'uomo e della sua identità cristiana, e offre indicazioni pedagogiche e pastorali agli educatori e alle istituzioni educative.

Il web 2.0 costituisce una fonte inesauribile di informazioni. Ma per essere correttamente informati su Internet sono opportune alcune regole di sopravvivenza!
Questo sussidio intende aiutare a riflettere sui vantaggi e i pericoli di questa cultura informatica che sta cambiando le abitudini sociali, soprattutto dei ragazzi e giovani, che vanno aiutati a "navigare a vista" per evitare il pericolo della dipendenza psicologica:

- verificare che cosa si pubblica e chi lo fa. Un conto è un sito satirico che pubblica appositamente false notizie, bufale, allo scopo di far ridere; un conto è un sito di informazione che deve essere affidabile;
- comprendere che i professionisti obbediscono a regole rigorose: distinguere il fatto dal commento, non pubblicare le informazioni se non sono state completamente verificate... Sono regole che non servono a nascondere le cose, ma a rispettare i lettori;
- saper staccare: notifiche push, moltiplicazione dei canali di notizie, radio, TV... Tutto concorre a generare un vortice di informazioni che può provocare ansia. È quindi necessario saper ritagliare dei tempi durante la giornata per informarsi, e anche dei tempi di pausa per relativizzare le informazioni e mettere un po' di distanza da esse;
- variare le fonti per imparare a scegliere; per ogni circostanza c'è un canale opportuno;
- accettare che le informazioni hanno un prezzo. I siti di notizie gratuiti pubblicano tutti le stesse informazioni allo stesso tempo. Scavare, approfondire e mettere in prospettiva ha un costo. Se le informazioni sono importanti, bisogna pagarne il prezzo;
- capire che per aprirsi agli altri, bisogna essere attenti agli algoritmi. Facebook, ad esempio, vede ciò che piace e crea emozioni, ciò che piace agli amici, e propone costantemente gli argomenti a cui si è affezionati. A rischio di chiudersi in una gabbia...

Educarsi (ed educare) a un uso corretto dei social media costituisce oggi un impegno educativo improrogabile!

L'autore:
GIUSEPPE MORANTE
Esperto in Scienze dell'Educazione con specializzazione in Metodologia Catechetica, annovera mezzo secolo di esperienza ecclesiale (in pedagogia e pastorale) accumulata nella docenza universitaria, nella formazione degli operatori pastorali (parrocchiali e diocesani) e degli educatori in generale (genitori, insegnanti, animatori di pastorale giovanile, catechisti).
Ha insegnato Metodologia Catechetica (nello specifico: l'iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi, l'educazione religiosa dei disabili, la pedagogia speciale) presso la Facoltà di Scienze dell'Educazione dell'Università Salesiana di Roma. Ricercatore in campo educativo e religioso, pubblicista e divulgatore, collabora con riviste pedagogiche, pastorali e catechistiche.
È autore di numerosi saggi pedagogici e pastorali, di ricerche socio-religiose e di testi per l'insegnamento religioso nella scuola.
È stato membro della Consulta per la Catechesi e del settore "Disabili" dell'Ufficio Catechistico Nazionale.

© Istituto Bernardi Semeria - Editrice Elledici P.I./C.F. 00070920053 - Tutti i diritti riservati • Privacy • Termini e condizioni
Il tuo Carrello
Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookies.
OK
Il tuo Carrello