Quel ragazzo d'oratorio diventato Papa Francesco

Credere ancora 

Quel ragazzo d'oratiorio diventato Papa Francesco.


 

Il nuovo Papa? Era un ragazzo d'oratorio


Intervista a Enzo Bianco, autore del volume «Quel ragazzo d'oratorio diventato Papa Francesco» (Elledici, € 5,00), dal luglio 2013 nelle librerie.


Uno dei tanti libri sul nuovo Papa?
No. «Quel ragazzo d'oratorio diventato Papa Francesco» è il primo tentativo di biografia d'una certa ampiezza. Nelle librerie è piovuta una valanga di testi su Papa Francesco, ma riguardano il suo pensiero, o qualche aspetto del suo impegno pastorale. Dopo l'elezione a Papa sono piovuti anche i cosiddetti instant books, volumi improvvisati, da gettare in pasto ai famelici lettori del momento. Ma non sempre nella fretta è stato reso un buon servizio. Ho perfino incontrato il termine spagnolo novia, fidanzata, tradotto disinvoltamente con novità... Comunque, di questo Papa non si aveva ancora una vera biografia.
Il mio tentativo offre una conoscenza di Papa Francesco ancora a livello divulgativo, in attesa che qualche studioso dia alla luce un solido volume di seicento pagine.

Che c'è di nuovo nel suo volume?
C'è anzitutto l'aver raccolto con pazienza certosina una grande quantità di particolari biografici, finora sparpagliati qua e là in tanti scritti, come le conchiglie sulle spiagge: particolari ora esposti in modo coerente e ordinato. L'appendice Anno dopo anno tutte le date è la cronologia al momento più completa, e risolve varie lacune e incertezze.
C'è poi l'aspetto della salesianità. Il ragazzo-adolescente Jorge Bergoglio è cresciuto respirando l'aria di un oratorio salesiano. È un aspetto ignorato dagli autori, fatta salva la consueta citazione: «I miei genitori si erano conosciuti a messa, nel 1934, all'oratorio salesiano». Si trattava dell'oratorio del Barrio Almagro, Buenos Aires, Argentina, abituale punto di riferimento dei Bergoglio, domiciliati nel confinante Barrio Flores.
Però il mio rimane un volumetto agile, ed economico, di divulgazione, per una prima conoscenza immediata,da cui partire. Ma contiene l'abc, la premessa necessaria. Poi, chi ha le ali per volare, potrà affrontare anche le analisi dotte, i saggi e gli approfondimenti sul pelo nell'uovo, di cui gli studiosi sono maestri.

Quali sono stati i rapporti del giovane Jorge con quell'oratorio di Almagro?
Ho utilizzato i dispacci dell'Ans, Agenzia Notizie Salesiane, una fonte purtroppo ignorata.
Don Bosco aveva inviato i suoi primi missionari a Buenos Aires nel 1877, e già l'anno successivo essi aprivano nel Barrio Almagro l'oratorio, con parrocchia, e una scuola di arti e mestieri. Avevano due jolly nella manica: l'irresistibile fascino del pallone nel cortile, e la splendida basilica di Maria Ausiliatrice da loro costruita nel 1908.
Il cortile di quell'oratorio ha visto nascere la San Lorenzo de Almagro, squadra di calcio che ha già collezionato 14 scudetti del campionato argentino, e di cui il Papa è ancora perdutamente tifoso.
Quanto a Maria Ausiliatrice, è diventata la Madonna del Papa. Da cardinale di Buenos Aires presiedeva le feste del 24 maggio. Sovente andava a farle visita in privato. In semplice talare nera, clandestino, prendeva l'autobus e si rifugiava sulla cupola della basilica presso la statua della Madonna alta cinque metri, in preghiera solitaria.
In più occasioni il Papa ha espresso la sua gratitudine per i salesiani ruspanti del cortile d'oratorio, che sono stati i suoi primi maestri di spirito. Di fatto lo hanno aiutato durante una seria malattia, e poi indirizzato al seminario diocesano.

E perché il giovane Jorge si è poi fatto Gesuita?
Per una scelta radicale: voleva «di più». Non dagli altri, ma da sé. Una volta accertata la sua vocazione, scelse un impegno totale, che trovò nella ferrea Compagnia di Gesù, fondata dall'ex militare Ignazio di Loyola. Per essere «in prima linea» a servizio non di un regno della terra ma del Regno dei cieli. Con un'obbedienza perinde ac cadaver: senza offrire resistenza, allo stesso modo di un cadavere. Col quarto voto di speciale obbedienza al Papa. È un aspetto inquietante del personaggio: Papa Francesco appare accomodante e comprensivo nel trattare con gli altri, ma poi lo si scopre severo e intransigente con se stesso.

La sua vita di oratoriano può avere un messaggio per i giovani? Per gli oratori?
Certo. La sua è stata una giovinezza sbrigliata e a volte fuori dalle righe: con la predilezione per il tango, un paio di novias, il ruolo di buttafuori svolto per qualche tempo in una sala da ballo. Trascorsi giovanili, che sono però come un cartello indicatore, una porta aperta e spalancata: dicono a chiunque che ogni ragazzo cristiano può sempre voltare pagina, ricominciare da capo, e diventare... Papa.

-------------------

DALL'INDICE DEL VOLUME
Andiamo, è tempo di migrare (1928-35) - Gli anni verdi di Jorge Bergoglio (1936-57) - La svolta: sarà figlio di sant'Ignazio (1957-59) - Il singolare Credo di padre Jorge - Gesuita «in prima linea» (1959-92) - Gli anni bui della dittatura (1976-83) - Vescovo della Chiesa, sua sposa (1992-2013) - «Buonasera» a Roma e al mondo (13 marzo 2013) - Alcune idee dal suo cassetto.

CHI È L'AUTORE
Enzo Bianco, salesiano di Don Bosco, sacerdote e pubblicista, ha compiuto gli studi di teologia all'Università Pontificia Salesiana, e di giornalismo e pubblicità presso la Scuola superiore di giornalismo dell'Università Cattolica. Ha diretto il Bollettino Salesiano. Ha scritto decine di libri e centinaia di articoli. Ha insegnato Comunicazione Pastorale presso la sede torinese dell'UPS.

SUOI LIBRI RECENTI presso l'Elledici
- Nell'area salesiana: Don Bosco. La vita per i ragazzi - Educhiamo come Don Bosco
- Biografie: Benedetto XVI - Francesco di Sales
- Pastorale: Miglioriamo le nostre riunioni
- Liturgia: All'altare di Dio (omelie, tre volumi)
- Spiritualità: Lectio Divina - Lectio divina della Bibbia (editor) - Meditare con Matteo - Meditare con Marco - Meditare con Luca.

© Istituto Bernardi Semeria - Editrice Elledici P.I./C.F. 00070920053 - Tutti i diritti riservati • Privacy • Termini e condizioni
Il tuo Carrello
Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookies.
OK
Il tuo Carrello