Con i ragazzi - Domenica delle Palme - Anno C

Scarica il pdf

 

Domenica delle Palme

Era veramente un Uomo giusto

 

Ricordiamo ai bambini che con questa domenica finisce la Quaresima e inizia la Settimana Santa.
La Settimana Santa (giovedì, venerdì, sabato) è la settimana in cui i cristiani ricordano e ri-vivono gli ultimi giorni di Gesù quando viene catturato, condannato a morte, crocifisso e muore in croce, MA dopo tre giorni nella notte ... risorgerà!  

Offriamo un'attività per la settimana santa (vedi attività) che può essere utilizzata quando si vuole.

Due sono le caratteristica più salienti di questa domenica: la commemorazione dell'entrata di Gesù a Gerusalemme e la solenne proclamazione della Passione. Questi due eventi sono collegati tra loro.
Il colore rosso delle vesti del sacerdote simboleggia la morte del Martire e la sua Vittoria.

Anche il questa domenica continua il collegamento 'visivo' offerto dalla storia del bruco che diventa farfalla (vedi attività) e sarà affiancato dalla realizzazione di un album di disegni che parlano del messaggio dei Vangeli (vedi attività).

Dobbiamo essere molto attenti a che i bambini possa vivere queste domeniche come un percorso, un cammino ed evitare la frantumazione.

 

Obiettivo: Ascoltare e riflettere sulla sofferenza di Gesù innocente che subisce tutto per amore nostro!

Occorrente: I materiali suggeriti e offerti dall'attività

 

Riti di inizio

I bambini partecipano con tutta la comunità alla parte iniziale della Messa: Commemorazione dell'ingresso di Gesù in Gerusalemme.
Ogni bambino deve avere un ramoscello di ulivo e tutti insieme accompagnare il sacerdote durante la funzione fino a quando tutta la comunità si trova in chiesa.

Proclamazione del Vangelo

È il momento importante ed dobbiamo celebrarlo il meglio possibile.

Prepariamo i bambini ad ascoltare la parola di Gesù (Vangelo):

  • Prepariamoli al silenzio e chiediamo di stare bene in piedi
  • Cantiamo insieme l'acclamazione al Vangelo
  • Oggi non si fanno i tre piccoli segni di croce e non si risponde GLORIA A TE, SIGNORE. Si parte subito: Passione di...  e si finisce senza Parola del Signore...

Raccomandiamo di  non utilizzare foglietti, ma un Evangelario o un Lezionario

  • Alla fine della lettura, l'animatrice bacia il Lezionario e chiede ai bambini fare lo stesso.

Tutti questi atteggiamenti e gesti, compiuti bene, aiuteranno i bambini a capire l'importanza della Parola di Gesù che ascoltiamo nel Vangelo!

 

Il Vangelo (Luca 22,14-23,56)

Passione di nostro Signore Gesù Cristo secondo san Luca

(Proponiamo di leggere con i bambini la seconda parte della Passione secondo Luca 23,13-56)

Pilato riunì i capi dei sacerdoti, altre autorità e il popolo, e disse loro: "Voi mi avete portato qui quest'uomo come uno che mette disordine fra il popolo. Ebbene, ho esaminato il suo caso pubblicamente davanti a voi. Voi lo accusate di molte colpe, ma io non lo trovo colpevole di nulla. Anche Erode è dello stesso parere: tant'è vero che lo ha rimandato da noi senza condannarlo. Dunque, quest'uomo non ha fatto nulla che meriti la morte. Perciò lo farò flagellare e poi lo lascerò libero".
Ma tutti insieme si misero a gridare: "A morte quest'uomo! Vogliamo libero Barabba!"
Barabba era stato messo in prigione perché aveva preso parte a una sommossa del popolo in città e aveva ucciso un uomo.
Pilato parlò di nuovo ai presenti perché voleva liberare Gesù. Ma essi gridavano ancora più forte: "In croce! In croce!" Per la terza volta Pilato dichiarò: "Ma che male ha fatto quest'uomo? Io non ho trovato in lui nessuna colpa che meriti la morte. Perciò lo farò frustare e poi lo lascerò libero". Essi però insistevano a gran voce nel chiedere che Gesù venisse crocifisso. Le loro grida diventarono sempre più forti.
Alla fine Pilato decise di lasciar fare come volevano. Avevano chiesto la liberazione di Barabba, quello che era stato messo in prigione per sommossa e omicidio, e Pilato lo liberò. Invece consegnò loro Gesù perché ne facessero quello che volevano.

Presero Gesù e lo portarono via. Lungo la strada, fermarono un certo Simone, originario di Cirène, che tornava dai campi. Gli caricarono sulle spalle la croce e lo costrinsero a portarla dietro a Gesù. Erano in molti a seguire Gesù: una gran folla di popolo e un gruppo di donne che si battevano il petto e manifestavano il loro dolore per lui.

Gesù si voltò verso di loro e disse: "Donne di Gerusalemme, non piangete per me. Piangete piuttosto per voi e per i vostri figli. Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: Beate le donne che non possono avere bambini, quelle che non hanno mai avuto figli e quelle che non ne hanno mai allattato. Allora la gente comincerà a dire ai monti: "Franate su di noi" e alle colline: "Nascondeteci". Perché se si tratta così il legno verde, che ne sarà di quello secco?".

Insieme con Gesù venivano condotti a morte anche due malfattori.
Quando furono arrivati sul posto detto "luogo del Cranio", prima crocifissero Gesù e poi i due malfattori: uno alla sua destra e l'altro alla sua sinistra.
Gesù diceva: "Padre, perdona loro perché non sanno quel che fanno". I soldati intanto si divisero le vesti di Gesù, tirandole a sorte.
La gente stava a guardare. I capi del popolo invece si facevano beffe di Gesù e gli dicevano: "Ha salvato tanti altri, ora salvi se stesso, se egli è veramente il Messia scelto da Dio". Anche i soldati lo schernivano: si avvicinavano a Gesù, gli davano da bere aceto e gli dicevano: "Se tu sei davvero il re dei Giudei salva te stesso!".
Sopra il capo di Gesù avevano messo un cartello con queste parole: "Quest'uomo è il re dei Giudei".
I due malfattori intanto erano stati crocifissi con Gesù. Uno di loro, insultandolo, diceva: "Non sei tu il Messia? Salva te stesso e noi". L'altro invece si mise a rimproverare il suo compagno e disse: "Tu che stai subendo la stessa condanna non hai proprio nessun timore di Dio? Per noi due è giusto scontare il castigo per ciò che abbiamo fatto, lui invece non ha fatto nulla di male".
Poi aggiunse: "Gesù, ricordati di me quando sarai nel tuo regno".
Gesù gli rispose: "Ti assicuro che oggi sarai con me in paradiso".

Verso mezzogiorno si fece buio per tutta la regione fino alle tre del pomeriggio. Il sole si oscurò e il grande velo appeso nel Tempio si squarciò a metà.
Allora Gesù gridò a gran voce: "Padre, nelle tue mani affido la mia vita". Dopo queste parole morì.
L'ufficiale romano, vedendo quel che accadeva, rese gloria a Dio dicendo: "Egli era veramente un uomo giusto!".
Anche quelli che erano venuti per vedere lo spettacolo, davanti a questi fatti se ne tornavano a casa battendosi il petto.
Invece gli amici di Gesù e le donne che lo avevano seguito fin dalla Galilea se ne stavano ad una certa distanza e osservavano tutto quel che accadeva.

Vi era un certo Giuseppe originario di Arimatèa. Faceva parte anche del tribunale ebraico, ma non aveva approvato quel che gli altri consiglieri avevano deciso e fatto contro Gesù. Era uomo buono e giusto, e aspettava con fiducia il regno di Dio. Giuseppe dunque andò da Pilato e gli chiese il corpo di Gesù. Lo depose dalla croce e lo avvolse in un lenzuolo. Infine lo mise in un sepolcro scavato nella roccia, dove nessuno era stato ancora deposto.
Era la vigilia del giorno di festa, già stava per cominciare il sabato. Le donne, che erano venute con Gesù fin dalla Galilea, avevano seguito Giuseppe. Videro la tomba e osservarono come veniva deposto il corpo di Gesù. Poi se ne tornarono a casa per preparare aromi e unguenti. Il giorno festivo lo trascorsero nel riposo, come prescrive la legge ebraica

 

Per la riflessione

 

Suggeriamo che chi guida l'incontro inizi con alcune domande che aiutino i bambini a ricordare ciò che hanno vissuto all'inizio della Messa: il vangelo dell'entrata in Gerusalemme, la processione con i rami di ulivo, i canti di gioia. Tutti erano contenti di vedere Gesù a Gerusalemme, ma...

Domandiamo anche: che cosa abbiamo letto adesso? La Passione di Gesù. Che cosa è successo? Hanno cambiato parere? Prima dicevano Osanna adesso dicono Crocifiggilo. Perché?

Chiediamo ai bambini di dire che cosa li ha colpiti di più nel racconto del Vangelo. Quale avvenimento? Quali persone?  Lasciamoli raccontare.
Quindi aiutiamoli a ricordare i diversi episodi della Passione di Gesù in ordine cronologico.

Gesù ha sofferto ed è morto in croce solo per amore. Per farci capire quanto è grande l'amore suo e del Padre!

Attività 

1. La visualizzazione del percorso

Siamo alla fine della vita del bruco. Oggi osserviamo il bruco che ha finito di crescere e... vedi Allegato BrucoPalme
Nel foglio si può chiedere ad uno dei bambini più grandi di scrivere: DOMENICA DELLE PALME: PASSIONE DEL SIGNORE  e la frase-messaggio ERA VERAMENTE UN UOMO GIUSTO

Accostando e incollando insieme i fogli che riportano l'indicazione della domenica, la frase-messaggio e i diversi momenti della crescita del bruco si otterrà la visualizzazione del percorso fin qui realizzato.

La storia del Bruco è in Allegato Storia Bruco. È importante che la si racconti poco alla volta ogni domenica senza svelare il finale! La storia si presta per parlare ai bambini della morte e risurrezione di Gesù. Li aiuta a comprendere la 'trasformazione' della vita. È attraverso la morte del 'bruco' che nasce la 'farfalla': è la stessa vita che si trasforma

2. Un album per ricordare

La proposta di attività è realizzare un album con i disegni di ogni vangelo domenicale. Oggi possiamo realizzare un bellissimo e coloratissimo album che racconta tutto il percorso fatto. Sarà sufficiente 'bloccare' tutti i fogli con due fermacampione (o altro sistema a voi gradito!).  

Oggi è proposto l'ultimo disegno di questo percorso. Consegnatelo ai bambini, raffigura il messaggio domenicale vedi allegato Disegno domenica delle Palme.

Invitiamo i bambini a colorare il disegno con tecniche varie.

Per capire meglio, chiediamo loro: che cosa rappresenta il disegno? Che cosa è  raccontato nel Vangelo? Chi sono i personaggi raffigurati? Ti piace il disegno?

3. La settimana Santa

Utilizzare gli allegati Settimana Santa 1 e 2.  Scaricateli e seguite le indicazioni. L'attività permette ai bambini di collegare ciò che noi OGGI celebriamo con ciò che HA VISSUTO GESÙ.

Consegnare i fogli ai bambini. Far colorare la parte che riguarda gli avvenimenti di Gesù prima di sovrapporre il foglio della settimana santa.

Aprire le finestrelle di Domenica delle palme, Giovedì santo, Venerdì santo ... NON quella della Pasqua! 

Mentre si aprono le finestrelle, invitate i bambini a  raccontare che cosa è disegnato, quale differenza c'è tra un foglio e l'altro ...

Suggeriamo, se possibile, di invitare i bambini a partecipare insieme alle funzioni del TRIDUO SANTO, almeno alle funzioni pomeridiane.

Sarà necessario 'spiegare' i gesti che si fanno e perché.

I riti della Settimana Santa sono molto belli, non priviamo i bambini di una ricchezza!

4. Cantiamo insieme

- Osanna al figlio di David! Casa del Padre n. 455

 

Ognuno a suo tempo

I ragazzi (quelli più grandi) torneranno in comunità o prima della preghiera dei fedeli (per leggere la loro intenzione) oppure durante la processione dell'offertorio.
Uno dei ragazzi leggerà l'intenzione di preghiera preparata durante l'attività.

I bambini (più piccoli) torneranno in comunità insieme ai ragazzi durante la processione dell'offertorio.
Durante la recita del Padre nostro, invitare i bambini a tenere le braccia aperte!

Non dimentichiamo che i bambini desiderano portare a casa e far vedere ai genitori le loro attività. Realizziamo sempre un oggetto da lasciare ai bambini.

© Istituto Bernardi Semeria - Editrice Elledici P.I./C.F. 00070920053 - Tutti i diritti riservati • Privacy • Termini e condizioni
Il tuo Carrello
Il tuo Carrello